Noto: GIARDINO DI PIETRA (Cesare Brandi).
NOTO: OPERA DEL SAPERE DEL SUD, QUANDO ARTE E SCIENZA, TECNOLOGIA E GRANDE ARTIGIANONATO SI INCONTRARONO IN QUESTO LUOGO NEL 1700
.

Benvenuti nel sito dell’architetto Pietro Giannone

La mia città di residenza è Noto, (Sr), dove vivo e lavoro.

Noto, conosciuta in tutto il mondo per la sua incomparabile bellezza e monumentalità, sorge nel territorio più a Sud dell’Europa, dove questa finisce, cioè in Sicilia orientale.

La sua origine risale ai primissimi anni del settecento.

Venne progettata e ricostruita ex novo dopo che un violentissimo terremoto, (anno 1693) rase al suolo la città madre, le cui vestigia possono ancora ammirarsi, anche se parzialmente, più a monte, dove sorgeva da millenni.

Venne ricostruita nel segno della modernità ad opera di grandi architetti, Rosario Gagliardi, Paolo Labisi e tanti altri.

I lavori (per così dire) furono ultimati alla fine dell’'ottocento e portano la firma degli ultimi due grandi architetti che la città abbia vantato: Luigi Cassone e Francesco Cassone: padre e figlio. Il padre progettò e realizzò definitivamente la cupola della Cattedrale, 1860, e la ultimerà nel 1876, la cupola crollerà poi nel 1996, ora ricostruita; il figlio progettò anche il teatro comunale e curò in fine tutto il lastricamento delle strade della città.

 L’opera di questi grandi maestri dell’'arte, unita al tessuto artigianale di alto livello  ed alla grande disponibilità finanziaria della nobiltà locale proveniente essenzialmente dall'’agricoltura ed in particolare dalla massiccia coltivazione del carrubo il cui frutto veniva venduto ai vari governi per alimentare le cavallerie ed anche gli eserciti, diede alla città quella imponente bellezza che continua ad essere aggettivata sin dal settecento come città ingegnosa, e per ultimo, giardino di pietra (Cesare Brandi)ecc. ecc..

Da recente è arrivato il prestigioso riconoscimento: PATRIMONIO DELL’UMANITà.

Viverci d’architetto è un vero privilegio. Ma non sempre tale condizione è rosea soprattutto quando sono chiamato alle mie responsabilità intellettuali a difendere la città dagli attacchi speculativi, dall’insipienza e in generale dalla banalità. Fortunatamente condivido tale impegno con molti amici.

Essenzialmente svolgo attività di progettazione architettonica e di restauro dei monumenti.


Attualmente il mio impegno di lavoro più importante è il restauro del ex Convento dei Padri Crociferi a Noto, sicuramente opera prima di Paolo Labisi. Il monumento è il frutto di una complessa progettazione architettonica di metà settecento del giovane architetto che aveva studiato il Palladio, il Wuolff, e che conosceva l’architettura europea del tempo e che si era formato, si può dire laureato, a Roma nella prima metà del settecento.

Pietro Giannone




 

Dal 1970 al 1979:  Studente della facoltà di architettura di Palermo;

Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione

Ho conseguito la laurea in composizione  architettonica col massimo dei voti 110/110,relatore il chiar. Prof. arch. Pasquale Culotta, esponendo la tesi di laurea sul  progetto di recupero e restauro di un isolato tipo nel centro storico della città barocca di Noto (Siracusa). Il progetto, se letto in base alle moderne esperienze di restauro, si può benissimo considerare d' avanguardia. Infatti aveva come obiettivo  non solo il recupero del monumento singolo, che nell'isolato era presente, ma anche del tessuto abitativo minore ad esso connesso. Era la svolta verso una nuova visione, o lettura, dei tessuti urbani storici, considerati ormai nella loro complessità e non più come momenti episodici collegati ai vari edifici monumentali che li caratterizzavano.

Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio:

Composizione architettonica, restauro dei monumenti ed urbanistica e storia dell'architettura

Ho sostenuto tutti gli esami, cinque ,di composizione architettonica, oltre la tesi. Mi pregio di avere studiato e sostenuto esami di composizione architettonica col grande maestro dell'architettura italiana: il chiarissimo prof. arch. Gino Pollini

Ho seguito il corso di restauro dei monumenti tenuto dal prof. arch. Calandra, il quale aveva inserito nel programma di studio la lettura ed il restauro del paesaggio. Un aspetto  di grande rilevanza nella realtà attuale.

 

Qualifica conseguita: Architetto;

Date (da – a): Dal 1976 al 1977 Servizio militare;

                  1979 Laurea in Architettura;

                  1980     Abilitazione all'esercizio della professione ed iscrizione all' Albo degli architetti di Siracusa,n.32 .

 Cacità e competenze personali

(Acquisite nel corso della vita e della carriera ma non necessariamente riconosciute da certificati e diplomi ufficiali):

Bibliofilia, in questo ambito ho realizzato una raccolta di testi antichi e manoscritti di particolare pregio e rilevanza scientifica; con particolare attenzione alla manualistica architettonica antica, a partire dagli inizi del settecento, che consulto quotidianamente per via dei lavori di restauro che progetto e dirigo.

Il corpo dei testi e dei documenti storici in mio possesso, che nel loro complesso trattano e rappresentano la storia della città di Noto, attraverso documenti originali, risalenti alla fondazione,1693; e per la città distrutta a cominciare dal cinquecento, è stato visionato, in sintonia col Codice dei Beni Culturali, che salvaguarda anche i beni cartacei, dal soprintendente ai beni librari della Soprintendenza di Siracusa, il quale ne dispose la catalogazione, avendolo ritenuto di rilevanza storica e scientifica.

Nel 2010 tutto il corpo documentale è fruibile al pubblico grazie ad un accordo tra il sottoscritto ed il Comune di Noto, in base al quale è stato possibile istituire, con regolare delibera, il Museo delle Carte. Il museo, ideato, realizzato e diretto dal sottoscritto, è in assoluto il primo museo che usa i reperti cartacei come oggetti museali, e nel contempo sperimenta, e permette, la fruizione dei beni immateriali, nel caso specifico il contenuto che le "carte" tramandano nei secoli. Il museo, organizzato secondo isole tematiche, ne conta più di 20, dalla moda alla politica; dalla musica all'agricoltura e alla filosofia, ecc. è già  apprezzato da  autorevoli studiosi.

, In particolare ho scoperto il manoscritto, fine del 700, “libretto di memorie per uso dell’ingegnere D. Bernardo  Maria Labisi dell’Ingegnosa città di Noto”, scritto dal grande architetto notinese Paolo Labisi  ad uso appunto del figlio Bernardo; nonché un corpo di disegni sempre di Paolo Labisi di infinita bellezza, alcuni furono esposti per l’inaugurazione del Museo delle carte.

Attualmente svolgo la funzione di Tutor, grazie ad un master di secondo livello, che si sta svolgendo all’interno del  Museo delle carte, dal titolo “Libro, Documento e Patrimonio Antropologico. Conservazione e funzione” Organizzato dal Dipartimento di Beni Culturali della Facoltà di lettere e Filosofia  dell’Università degli Studi di Palermo.  è in corso la catalogazione dei libri del periodo moderno presenti nel museo.

Il museo è presente nel sito istituzionale del Comune di Noto e su internet: Museo delle Carte, Noto.

Dal punto di vista professionale ho avuto conferiti numerosi incarichi di restauro dalla Soprintendenza di Siracusa. Ho progettato poi per la Provincia Regionale di Siracusa per la quale ho realizzato, a Noto, un istituto polivalente per 300 alunni; e recentemente sempre per la stessa ho concluso il restauro del complesso monumentale del convento del Carmine, in Ortigia, adibito a scuola: ITAS. Per il Comune di Noto ho progettato e realizzato una scuola materna per 90 bambini, ed il primo stralcio del restauro e messa in sicurezza del complesso monumentale dei Crociferi, 1750,opera di Paolo Labisi; mentre il secondo stralcio è in fase di appalto per conto della Regione Sicilia.

 . Inoltre sono direttore tecnico della società CONAL con sede a Milano tramite la quale ho effettuato progettazioni in tutto il territorio nazionale. Tra queste, per es, si può ricordare il centro di produzione pasti (4000 pasti giornalieri) ed il ristorante annesso, a Pavia. La copertura a tetto del ristorante e realizzata interamente in legno lamellare e copre tutto l’ambiente, 400mq circa, senza discontinuità di pilastrature.

Ho progettato anche per privati, soprattutto miglioramento e adeguamento di  edilizia storica danneggiata dal sisma del.1990, che colpì il Val di Noto. Legge 433

Ed in fine ho progettato e realizzato interventi di edilizia residenziale pubblica.

Lo studio professionale a Noto è inoltre attrezzato di una biblioteca che di fatto è un’appendice del museo delle carte.  In essa si custodiscono trattati, testi, anche manoscritti, di architettura, del settecento e dell’ottocento e novecento. Molti sono i computi metrici custoditi, qualcuno anche di metà seicento, che attraverso le loro descrizioni si risale facilmente alla composizione reale delle malte a alle varie tecnologie dell’antichità; disegni originali ad inchiostro di famosi architetti del settecento ed ottocento operanti a Noto. Tutto ciò permette una maggiore conoscenza delle tecniche costruttive antiche, e dunque una migliore qualità nello sviluppo del progetto di restauro. Ed inoltre vi si custodiscono libri e riviste di architettura contemporanea, a partire dagli inizi degli anni settanta ad oggi, indispensabili per una ricerca immediata. Per citare le  testate più importanti: Casabella, Domus, Abitare; poi Controspazio, Parametro, l’Architettura cronache e storia; Beni Culturali, dal n.zero, riviste d’arte: ART e dossier, Arte ecc.

Attività culturali:

Partecipazione Mostra documentaria "Mariannina Coffa Poetessa Netina"

La mostra è stata curata ed allestita dall'Archivio di Stato di Siracusa-Sezione di Noto con la collaborazione della Biblioteca Comunale di Noto,ed il contributo del prof. Biagio Iacono e dell'Arch. Pietro Giannone. In essa furono esposti sia documenti d'archivio che poesie e lettere autografe della Coffa conservate presso la Biblioteca Comunale, nonché riviste e pubblicazioni d'epoca facenti parte della raccolta del "Museo delle Carte"

8 marzo 2011;

Mostra del progetto generale del restauro dell’ex Convento dei crociferi in occasione della "cerimonia inaugurale della restaurata sede storica della pretura di Noto ex convento dei Crociferi" La mostra venne allestita nei locali restaurati con il primo stralcio.

15 novembre 1997;

Esposizione del progetto del Polivalente di Noto:

 Liceo Scientifico e istituto tecnico femminile, 25 aule, auditorio e palestra.

Salone chiesa Immacolata

Noto, 7 febbraio 1994

Capacità e competenze artistiche:

(Musica, scrittura, disegno ecc.)

Sono autodidatta nello studio della musica, specificatamente per chitarra classica, della quale ho buona conoscenza e riesco ad eseguire brani musicali di media complessità.

Ho frequentato un corso di pittura all'età di diciotto anni che mi permette di dipingere. Sono auto didatta in scultura, spesso partecipo a stage di scultura scolpendo dal vivo. Una mia opera, il ragazzo del sole, è esposta nella cattedrale di Noto. Conosco perfettamente il disegno architettonico manuale; ho ottima capacità di ritrarre dal vero.

Come scultore e pittore ho  partecipato a varie manifestazioni, tra cui Notarte: una manifestazione artistica che ha luogo a Noto, nel mese di agosto, lungo la bellissima via Nicolaci e sotto i magnifici  e famosi balconi barocchi del palazzo dei principi di Villa Dorata. detta manifestazione viene goduta ogni anno da migliaia di visitatori.

Altre capacità e competenze

Competenze non precedentemente indicate.

Storia postale, periodo antichi stati e regno d’Italia, con particolare riguardo alla posta borbonica, regno delle Due Sicilie.

Sono competente del mobile antico.

Un ultimo aspetto e quello dell’agricoltura con diretta conoscenza della coltivazione dell’ulivo e alla produzione dell'olio di eccellenza.

Capacità e competenze relazionali

Vivere e lavorare con altre persone, in ambiente multiculturale, occupando posti in cui la comunicazione è importante e in situazioni in cui è essenziale lavorare in squadra (ad es. cultura e sport), ecc

Da studente universitario ho studiato quasi sempre in gruppo, principalmente nelle materie progettuali, acquisendo quindi capacità di confronto e di dialogo con gli altri. Ho partecipato a convegni come relatore; ho partecipato alla fondazione di varie associazioni culturali e all'organizzazione di vari convegni sullo sviluppo economico della città e del territorio. Ho organizzato mostre del mio lavoro di architetto con esposizione di progetti; scrivo spesso su giornali locali e internet, su  argomentazioni culturali ,  estetica del paesaggio, di storia del territorio, urbanistica, architettura ecc., che sviluppano dibattiti e motivi di riflessioni nei lettori.

Capacità e competenze tecniche

Con computer, attrezzature specifiche, macchinari, ecc.

Uso il computer per scrivere, disegnare e progettare, calcolare. Uso internet per lavorare a distanza con altri professionisti.

Uso macchine fotografiche digitali ed elaboro immagini fotografiche al computer.

 

Capacità e competenze artistiche

Musica, scrittura, disegno ecc

Sono autodidatta nello studio della musica, specificatamente per chitarra classica, della quale ho buona conoscenza e riesco ad eseguire brani musicali di media complessità.

Ho frequentato un corso di pittura all'età di diciotto anni che mi permette di dipingere. Sono auto didatta in scultura, spesso partecipo a stage di scultura scolpendo dal vivo. Una mia opera, il ragazzo del sole, è esposta nella cattedrale di Noto. Conosco perfettamente il disegno architettonico manuale; ho ottima capacità di ritrarre dal vero.

Come scultore e pittore ho  partecipato a varie manifestazioni tra cui Notarte: una manifestazione artistica che ha luogo a Noto, nel mese di agosto, lungo la bellissima via Nicolaci e sotto i magnifici  e famosi balconi barocchi del palazzo dei principi di Villa Dorata. detta manifestazione viene goduta ogni anno da migliaia di visitatori.

 

 

PUBBLICAZIONI

Nuove direzioni-cittadino e viaggiatore

N°9, maggio-giugno 2012

Titolo: Noto e il suo singolare Museo delle carte di Lidia Pizzo

 Magna  Mater bimestrale

Anno II-N1-Gennaio/Febbraio 2012

Titolo: Cronaca di un cantiere settecentesco

Magna  Mater bimestrale

Anno I-N1-Gennaio/Febbraio 2012 Ricostruzione storica dai documenti del “Museo delle Carte” di Noto

Titolo: L’Unità d’Italia a Noto- Ricostruzione storica dai documenti del “Museo delle Carte” di Noto

La Gazzetta di Noto On Line. Luglio 2002

Titolo: San Carlo E San Domenico Quale restauro?

Indirizzo: www. Lagazzettadinoto.com

Netum, rivista mensile d'arte e cultura anno X n.1/3 ottobre 1985

"centro storico e legge speciale per Noto". Intervento;

IN ARCHITETTURA  giornale della progettazione.

Novembre 1979, n.3. anno1°

Tesi di laurea

Titolo: Noto un isolato per la città.

Servizi e abitazioni per "Pianazzo" quartiere del settecento a Noto.

CITAZIONI

Quotidiano “La Sicilia”

sabato, 13 novembre 2010

Titolo : Inaugurato “VOLALIBRO”;

Quotidiano “La Sicilia” venerdì, 19 novembre 2010

Titolo : Ricette ottocentesche, la scoperta gustosa;

Quotidiano “La Sicilia” mercoledì, 22 settembre 2010

Titolo : Bilancio positivo per la prima stagione del Museo delle Carte;

 

Alveria bimestrale- organo dell’ I.S.V.N.A.

 Anno XXVII n 4 luglio-agosto 2010

Titolo : I disegni inediti di Polo Labisi (Noto, 1720-1798)

 Quotidiano “La Sicilia” giovedì, 25 ottobre 2001

Titolo : Inaugurato il Polivalente;

Ristorando

Una grande cucina per un grande ospedale. ( Ospedale Niguarda Milano)

Anno 2 n.12 dicembre 1997

MOSTRE

Esposizione del progetto del Polivalente di Noto: Liceo Scientifico e istituto tecnico femminile, 25 aule, auditorio e palestra.

Salone chiesa Immacolata

Noto, 7 febbraio 1994

Mostra del progetto generale del restauro dell’ex Convento dei crociferi in occasione della "cerimonia inaugurale della restaurata sede storica della pretura di Noto ex convento dei Crociferi" La mostra venne allestita nei locali restaurati con il primo stralcio.

15 novembre 1997;

DITATTICA

Socio onorario dell’associazione bianco pietra, nonché docente al corso di scalpellino, ferro battuto e muri a secco, tenuto dall’associazione medesima. In corso di svolgimento;

Docente al corso di formazione per Esperto in restauro di edilizia storica

Committente: Cotecno s.r.l.

Anno 1996;

COMMISSIONI

Comune di Solarino (Siracusa)

Commissione giudicatrice nuovi  portoni Chiesa Madre

 Anno: 1998.

Si riportano alcuni titoli di testi antichi famosissimi:

 

BELIDOR

LA SCIENZA DEGLI INGEGNERI, volumi 2

Di Belidor, versione italiana di Luigi Masieri,Milano1832

U. VITRY

IL PROPRIETARIO ARCHITETTO

(Adorna di cento rami).

G.Antonelli Editore

Venezia 1832

G.A. BREYMANN

TRATTATO GENERALE di COSTRUZIONI CIVILI, volumi 5

G.A.Breymann , traduzione dell'ing. Carlo Valenti

Con note dell'ing. A.Cantalupi, 5° edizione,Milano 1885;

 

NICOLA CAVALIERI SAU-BERTOLO

ISTITUZIONI di ARCHITETTURA STATICA ED IDRAULICA,

 due volumi in uno.

Mantova 1855;

MILIZIA

PRINCIPI DI ARCHITETTURA CIVILE,

terza edizione Milanese,

Milano, 1853;

F. C. PAOLO BOUBE'E

TRATTATO ELEMENTARE TEORICO PRATICO di

COSTRUZIONI METALLICHE,

Napoli 1880;

DANIELE DONGHI

MANUALE DELL'ARCHITETTO

Dell'ing. architetto DANIELE DONGHI,1893, edizione originale;

VIOLLET LE DUC

STORIA DELL'ABITAZIONE UMANA

Milano 1877;

VICAT

TRATTATO DELLE MALTE E DEI CEMENTI CALCAREI;

Napoli 1836;

J. CLAUDEL

MANUALE di FORMULE, TAVOLE e NOTIZIE di uso frequente agli Ingegneri, architetti, ecc

Versione italiana con molte note ed aggiunte.

Dei professori:

Francesco Mazza

Alfonso Bonolois,

Napoli 1879;

TESTA PICCOLOMINI CONTE CARLO MARIA

L’ARCHITETTO PRATICO

Napoli 1889;

PAOLO LABISI

Libretto di memoria per uso (…..)dell'architetto;

Manoscritto

fine settecento, circa;

JACOPO BAROZZI

DA VIGNOLALA (L’ARCHITETTURA DI)

Terza edizione

Bassano 1787;

REGIS DOMENICO

APPLICAZIONE ALLO STUDIO DEL TAGLIO DELLE PIETRE E DEL LEGNAME PER LE COSTRUZIONI

Fratelli Bocca
Torino 1894;

C. RANELLETTI

APPLICAZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA

TEORIA DELLE OMBRE- TAGLIO DELLE PIETRE

TAGLIO DEL LEGNAME

Ulrico Hoepli

Milano1914

Manuali Hoepli;

M. FOERSTER

MANUALE DEL COSTRUTTORE

traduzione ing  C. Albertini

Volumi 3

Dott. F. Villardi

Milano 1919

 

 

A. MELANI

L’ARCHITETTURA NELLA STORIA E NELLA PRATICA SEGUITO ALLE COSTRUZIONI CIVILI DI G.A. BREYMANN




 
  Site Map